Raku

Il raku è una tecnica antichissima giapponese che racchiude in sé una filosofia dello “stare nel presente”.

Il nome significa infatti “gioire il giorno” e consente di accogliere con amore ciò che terra, acqua, aria e fuoco producono grazie agli smalti che vengono stesi sulle ceramiche prima di inserirle in un forno che le porta ad una temperatura di quasi 1000 gradi.

I risultati sono sempre sorprendenti ed è impossibile creare due pezzi uguali. L’unicità è ciò che contraddistingue il raku da tutti gli altri tipi di cottura, il pezzo viene estratto ancora incandescente dal forno, e messo in un contenitore pieno di foglie e materiali naturali che si incendiano al suo contatto. La riduzione dell’ossigeno compie il suo “miracolo” regalando sfumature di colore e lustrature veramente straordinarie.

Se uniamo a questa tecnica già di per sé straordinaria, che crea sculture uniche ed irripetibili, la potenza energetica dei cristalli, ecco che la magia e la bellezza vengono ad essere al servizio del nostro benessere. Mettere un’opera di questo genere in un ambiente significa entrare in contatto con tutta la potenza della natura: i 4 elementi insieme più la memoria antica dei cristalli nati nelle viscere della Terra.